Bolla immobiliare, il rischio nell’Eurozona, Milano è la migliore opportunità

In moltissime città europee il rischio bolla immobiliare è sempre più alto, ma non a Milano. Un fenomeno che avviene nelle grandi città, quando i prezzi degli immobili iniziano ad aumentare rapidamente, fino a quando non possono più essere sostenuti dai potenziali acquirenti a causa dei loro redditi troppo bassi o da altri fattori economici.

In città come Monaco, Francoforte e Parigi il mercato immobiliare è particolarmente surriscaldato, così come ad Amsterdam e Toronto. A Monaco, secondo la quinta edizione dell’Ubs Global Real Estate Bubble Index 2019 che analizza i prezzi degli immobili nelle 24 città più importanti del mondo, c’è un’enorme bolla immobiliare, con il mercato più sopravvalutato di sempre. In tutte queste città, l’aumento dei prezzi è alle stelle e si è bloccato negli ultimi quattro trimestri. Il rischio bolla nell’Eurozona è causato soprattutto dai bassi tassi di interesse, che spingono sempre più persone ad acquistare immobili, per motivi residenziali o come fonte di investimento.

«Il tema da evidenziare è che il Real Estate diventa un settore sempre più interessante proprio per l’andamento dei tassi di interesse – dice Paolo Federici, responsabile di Ubs Wealth Management in Italia -. I tassi sono oggi un elemento di accelerazione dell’interesse degli investitori per l’immobiliare».

La bolla immobiliare in Italia e negli altri paesi europei

Milano risulta oggi la città con un tasso di rischio minore, in quanto i prezzi degli immobili e degli affitti sono in salita, ma si tratta di un aumento ancora contenuto e in perfetta linea con le possibilità di acquisto della clientela. Se facciamo un confronto con la città di Londra, dove gli italiani negli anni passati hanno acquisito diversi immobili, si nota subito la differenza nelle opportunità di investimento: a Milano comprare una casa di 60 mq costa sei anni di stipendio, a Londra 14 anni.

Ma non solo, i prezzi delle case a Milano sono molto simili a quelli di 20 anni fa, proprio come a Chicago, e questo è dovuto all’incertezza dell’economia. «Milano non esprime i suoi massimi – afferma Federici -. Nel 2007 le case in città costavano più di adesso. L’offerta intanto sta diventando di maggiore qualità».

Il rischio bolla immobiliare è molto alto anche ad Amsterdam e a Francoforte, città che negli ultimi anni stanno registrando una crescita dei prezzi a doppia cifra. Stessa situazione a Parigi, entrata ufficialmente nelle zone europee a rischio bolla. Qualche piccolo squilibrio si sta registrando anche a Zurigo, Londra e Stoccolma. Anche Ginevra registra prezzi piuttosto elevati. Londra è riuscita a eliminare il rischio grazie alla sterlina molto svalutata e a un mercato immobiliare in crisi per via della Brexit. Situazione similare a Stoccolma, che si sta allontanando sempre di più dal rischio bolla.

«Madrid ha vissuto una pesante crisi immobiliare, al pari dell’Irlanda, e oggi gli investitori approfittano della dinamica dei tassi, ma anche del sistema legale e fiscale e delle infrastrutture rilevanti che rendono la capitale spagnola attraente – dice Federici -. I prezzi dal 2012 sono risaliti del 30%, ma è anche vero che per un buon quarto sono sotto il livello del 2007. La situazione qui è più calda rispetto a Milano, e nelle nostre previsioni il mercato immobiliare continua ad apprezzarsi. Vediamo quindi opportunità in una logica di medio termine».

In questo panorama, i mercati immobiliari stabili ed equamente valutati sono quelli di Milano, Singapore e Boston. Per quanto riguarda il mercato Asiatico, Hong Kong e Singapore restano le due città più costose in assoluto.

Quando scoppia la bolla immobiliare?

Il rischio bolla immobiliare, e la conseguente sopravvalutazione del mercato, aumenta con l’aumentare della domanda da parte di investimenti esteri. Basti pensare a quello che è successo a Londra anni fa, quando la domanda per investimenti di appartamenti in centro ha creato dei “quartieri fantasma” con delle case invendute e vuote che venivano aperte solo per pochi giorni all’anno dai proprietari stranieri.

La bolla immobiliare a Milano

Milano si presenta ancora una volta come la città italiana con la redditività economica più elevata, un terreno sempre più attrattivo per gli investitori. I prezzi sono in salita, ma la popolazione a Milano continua ad aumentare e i redditi sono stabili. Merito del turismo in crescita, delle Università eccellenti che ogni anno attirano studenti da tutta Italia e dall’estero, dei mega eventi sportivi, culturali e musicali. Tassi bassi e maggiore interesse da parte degli investitori stranieri hanno determinato un lieve rialzo dei prezzi, che tuttavia rende ancora possibile e sostenibile l’acquisto di immobili.

Nella maggior parte delle città del mondo, per poter acquistare un appartamento di 60 mq serve un budget nettamente superiore al reddito medio annuo dei cittadini. A Milano invece i redditi sono ancora alti, motivo per il quale il rischio bolla immobiliare è ancora lontano.

Confrontati con gli altri investitori

Se desideri ricevere una consulenza o vuoi restare aggiornato sulle nostre operazioni immobiliari puoi compilare il form sottostante e verrai inserito nella nostra esclusiva newsletter investitori, dedicata alle news sulle operazioni e agli argomenti più sensibili del mercato immobiliare.

Accedi ora al gruppo Facebook “Investire in NPL: investimenti immobiliari e opportunità” per rimanere sempre aggiornato.
All’interno del gruppo avrai anche la possibilità di confrontarti con altri investitori come te. ”

Scarica la nostra brochure informativa.

Ottieni maggiori informazioni e scopri la nostra operativita.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.